Sito web di Angelo Conforti
Benvenuto

"Innovare non è bene di per sé, tantomeno in campo educativo. La didattica “innovativa” o digitale, oggi presentata come primaria necessità della Scuola, non vanta alcuna legittimazione scientifica né acquisizione definitiva da parte della ricerca educativa. Innovazioni e tecnologie, nelle varie accezioni global-ministeriali (debate, CLIL, flipped classroom, etc), rappresentano un insieme di “riforme striscianti” che demoliscono pezzo a pezzo l’edificio della Scuola Pubblica dal suo interno. Servono piuttosto innovazioni in tutt’altra direzione, che sappiano valorizzare inoltre l’interculturalità, la creatività e l’immaginazione, il pensiero critico e quello simbolico, nella didattica così come nell’impianto complessivo della scuola. CREDIAMO CHE: I) Ogni innovazione metodologica o tecnologia digitale sia un possibile strumento di ampliamento e accesso a contenuti e conoscenze. Sul loro impiego l’insegnante è chiamato a riflettere e valutare in maniera incondizionata e libera. Codificare pratiche e metodi, presentati come la priorità della Scuola, è una semplificazione retorica arbitraria, corrispondente ad un preciso modello culturale preconfezionato, che ridefinisce finalità e ruoli dell’istruzione pubblica in ossequio a un’ideologia indiscussa. II) L’inflazione di innovazioni didattiche e gli sperimentalismi digitali offrano spesso narrazioni impazienti ed elementari (slides, video, “prodotti”, progetti), propongano procedure stereotipate e associazioni banali, con grave danno per gli studenti e la loro crescita culturale, interiore e sociale. III) Non sia il mero ingresso di uno smartphone in classe a migliorare l’apprendimento o l’insegnamento. In quel caso si potrà, certo, aderire a un modello, attualmente dominante: quello che sostiene l’equazione cambiamento=miglioramento e digitale=coinvolgimento. Il miglioramento dell’apprendimento e dell’insegnamento passa, però, per altre strade: quelle dell’attuazione del dettame della nostra Costituzione."
(tratto dall'Appello per la scuola pubblica, di Giovanni Carosotti, insegnante scuola secondaria di secondo grado, Milano; Rossella Latempa, insegnante scuola secondaria di secondo grado, Verona; Renata Puleo, già dirigente scolastico, Roma; Andrea Cerroni, professore associato, Università degli Studi Milano-Bicocca; Gianni Vacchelli, insegnante scuola secondaria di secondo grado, Rho - MI; Ivan Cervesato, insegnante scuola secondaria di secondo grado, Milano; Lucia R. Capuana, insegnante scuola secondaria di secondo grado, Conegliano Veneto - TV; Vittorio Perego, insegnante scuola secondaria di secondo grado, Melzo - MI
).

Pubblicazioni   Saggi e articoli   Recensioni   Psicoanalisi   Cinema e pensiero   Storie "italiane"   Video   Dinastia   Didattica   Lampi    Posta

     Tutte le novità del sito: pubblicazioni, recensioni, seminari e tanto altro    

 

Appello per la scuola pubblica

     

Alexandria: nuova piattaforma online di Open Educational Resources  

Tutte le presentazioni e recensioni del libro Scuola e televisione: il declino dell'Italia  

Tutte le presentazioni dell'E-book Percorsi della filosofia  

Pubblicazioni   Saggi e articoli   Recensioni   Psicoanalisi   Cinema e pensiero   Storie "italiane"   Video   Dinastia   Didattica   Lampi    Posta

                                                                                       

 

motori di ricerca

 Dettagli www.angeloconforti.it

Migliori

 

 Sito Gold

Sito in perenne allestimento